STORIA

Presieduta dal principe Alberto, consorte della regina Vittoria, la prima esposizione universale, meglio conosciuta come Great Exhibition, si tenne all’interno del Crystal Palace di Hyde Park.
Ebbe un successo e una risonanza tali che altre manifestazioni dello stesso tipo si svolsero poco dopo a Dublino (1853), New York (1853) e Parigi (1889) nell’area degli Champs-Elysées, dove fu eretta la torre Eiffel a simbolo della manifestazione.

Nella seconda metà del XIX secolo, in Europa le fiere moderne cominciano a differenziarsi. Si organizzano esposizioni industriali finalizzate alla diffusione dei prodotti di una specifica industria o di più settori di un dato Paese. Molto importanti le esposizioni di Berlino (1877, prodotti in cuoio), Londra (1924, prodotti britannici) e Parigi (1947, arredamento d'interni).
Negli Stati Uniti prendono piede esposizioni dedicate alla commemorazione di eventi storici cruciali per la storia del paese e le grandi esposizioni universali sono concepite per esporre una vastissima gamma di prodotti, processi e tecnologie d’avanguardia.

L’Italia ospita la sua prima Esposizione d'Arte e Industria a Torino (1870). Ne replica una seconda a Milano nel 1881. Progetta un’esposizione internazionale per il 1942 che non ha luogo ma lascia una traccia indelebile nella città di Roma, per la quale si pianifica il quartiere dell’Eur.